Vacanze di mare in un Hotel di Lusso a Favignana, Sicilia

“La Sicilia è il paese delle arance, del suolo fiorito la cui aria, in primavera, è tutto un profumo… Ma quel che ne fa una terra necessaria a vedersi e unica al mondo, è il fatto che da un’estremità all’altra, essa si può definire uno strano e divino museo di architettura.” Guy De Maupassant, un paio di secoli fa, durante un viaggio nella nostra terra.
La Sicilia è l’isola più grande del Mediterraneo, la quarantacinquesima isola più grande al mondo. La vastità e l’ampia scelta di località e paesaggi differenti ne fanno una meta ambitissima per i vacanzieri. Già la sola idea che il mare lambisca ogni lato di questo territorio senza che nessuna catena montuosa possa fermare l’orizzonte, rende di per sé la sua collocazione geografica super appetibile.
Per poter godere di questa fantastica atmosfera, l’ideale, per chi ha la possibilità di farlo è di trascorrere le proprie vacanza a Favignana, magari in un Hotel di Lusso come la Dimora dell’Olivastro. Questa struttura vi garantirà tutto il bello di questa splendida regione, col vantaggio di poter usufruire di un trattamento speciale con la possibilità di raggiungere velocemente tutte le meraviglie che caratterizzano la regione Sicilia.
Il mare, vero motore della nostra ricerca, è tra i più limpidi e i cristallini dell’intero pianeta, pescoso, un fratello buono a cui appoggiarsi nei momenti di difficoltà. La costa è varia, frastagliata appena discesa dalla catene montuose circostanti o bassa, sabbiosa, appena fuori le bellissime città d’arte o accompagnatrice della vita dei pescatori. La Sicilia è così, la Trinacria, tre coste diverse, tre mari diversi: la costa orientale, quella occidentale e la parte mediterranea, quella più africana, quella delle isole. L’offerta turistica delle coste della Sicilia è quasi imbarazzante: ogni posto che nomineremo attirerà viaggi diversi e persone diverse, per tutti i tipi di turismo possibile.
San Vito Lo Capo, ad esempio, è la perla del Golfo di Castellammare, ancora intonsa e rara località non inquinata dagli abusi edilizi e dal cemento feroce. San Vito ospita un mare cristallino e una sabbia bianchissima, a pochi chilometri dalla Riserva dello Zingaro e il Parco del Cofano che assicurano panorami mozzafiato agli appassionati di trekking o di bici o ai climber, essendoci molti percorsi disponibili. San Vito ha dalla sua un grande background africano che contraddistingue anche la manifestazione più famosa della stagione, il Cous Cous Fest, giorni e giorni di prelibatezz a base di pesce e di cous cous nel rispetto della tradizione con un occhio all’innovazione culinaria.
san vito lo capo
L’antico villaggio di Mazzarelli è ora denominato Marina di Ragusa, bella e un po’ più commerciale meta turistica nel meridione più a sud dell’isola.
Vicina alla città, piena di discoteche e divertimenti, adatta anche ai bambini per i fondali bassi e le spiagge ampie. Tuttavia nei dintorni non ci sono solo pizzerie e ristoranti famosi ma anche cultura: Ragusa Ibla, Modica, Noto e Scicli, famosissime cittadine del Barocco Siciliano.
Cefalù è un perfetto mix di storia e mare cristallino. La storia si respira tra le sue vie, nei suoi lavatoi medioevali, come quello di via Vittorio Emanuele, fra le moltissime chiese antiche, su tutte la Chiesa San Leonardo, risalente al 1159. Ma ci sono anche tantissime testimonianze greche, romane e saracene in ogni angolo, mosaici bizantini. E poi c’è il mare blu, profondissimo, circondato dal Parco delle Madonie.
cefalu

Taormina, tra Messina e Catania, è considerata da molti la più bella località siciliana. Un incontro fortunato tra Magna Grecia, Roma, Bisanzio e Rinascimento con alle spalle l’imponente Etna, vulcano padre e padrone della zona. Simbolo della cittadina il teatro greco-romano, ancora oggi utilizzato per una serie di spettacoli.Le spiagge di Taormina e dintorni sono di sabbia finissima. La più grande è quella dei Giardini Naxos, che si divide in zone libere, le più ampie del circondario, e attrezzate.Bellissima e famosa la spiaggia di fronte all’isola Bella, che permette di godere del panorama più suggestivo sul mare cristallino di Taormina. Anche molto affollata, quindi raggiungetela al mattino non troppo inoltrato. Un lido bellissimo, a ridosso della scogliera, è quello di Spisone.Capo Passero, la punta meridionale di Sicilia, è uno degli estremi confini dell’Europa verso il Mediterraneo e l’Africa.

La sua cittadina, all’interno dell’isola, Porto Palo, vive ancora oggi di pesca e di agricoltura.Ben al di sotto del parallelo che include Tunisi Capo Passero è un posto aspro e super affascinante che arriva a toccare il blu più blu del Mediterraneo che diventare mare dell’Africa. I suoi fondali sono meta di pellegrinaggi subacquei. Terra di vini straordinari e di tonnare e tonni Capo Passero è una delizia per gli occhi con la sua famosissima Grotta del Polipo e le sue scogliere bianchissime, scavate dal mare e dal vento.Aci Trezza, frazione di Aci Castello sulla costa ionica della Sicilia, famosa per essere la cittadina in cui è ambientato il capolavoro del verismo I Malavoglia, si è trasformata in una cittadina viva e piena di attrazioni per famiglie e per giovani. Una fra tutte la sagra del Padellone, in luglio, sagra del pesce che detiene da anni il guinness per la più grande frittura del mondo. Un piccolo carnevale con i classici carri allegorico grotteschi e la rappresentazione de u pisci a mare, rievocazione di un antico rito propiziatorio di pescatori. La spiaggia nera, piena di vulcano, rende ancora più esaltante il contrasto con quel mare trasparente.

Favignana, Egadi, di fronte Marsala, isola ricoperta di macchia mediterranea e piena di scogli, insenature, fiordi, fango termale e acqua azzurra, bellissima. Un vero dono della natura per i siciliani e per chi avrà il piacere di visitarla. Le più famose spiagge sono Lido Burrone, Cala Azzurra, Cala Rossa, Cala Grande, Punta longa.

Pantelleria, 110 chilometri dalla costa siciliana, 70 da quella tunisina. Isola di origine vulcanica, aspra, macchia mediterranea, acque spettacolari, meta di un turismo d’elite. Caratteristici i dammusi, fabbricati rurali di pietra lavica, incastonati nel territorio, a impatto ambientale zero, ovviamente.

Scala dei Turchi, vicino ad Agrigento. Un costone di roccia bianca, di falesia per essere precisi, che resta fresca nonostante il sole, piena di fango naturale, circondato da acqua freddissima e pulitissima.

Insomma, potremmo continuare lungamente a parlare delle bellezze della nostra amata isola ma l’unico consiglio vero che possiamo darvi è quello di prendere un qualsiasi mezzo a vostra disposizione e vedere cosa di bello c’è con i vostri occhi, con le vostre orecchie, con le vostre mani.

La Sicilia è mente e anima, un connubio salvifico e totalizzante, tutto da amare. E da scoprire.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*