Visitiamo a piedi il Centro Storico di Firenze

Visitare Firenze camminando

Il centro di Firenze, d’estensione contenuta e a dimensione d’uomo, com’è nello stile della nostre illustri città d’arte e di storia, precluso al traffico di veicoli privati, si presta alle escursioni a piedi.

Da non perdere a spasso per Firenze sono i percorsi classici compresi all’interno dei confini un tempo cinti da fortificazioni. Le antiche mura, in Oltrarno, cioè nelle zone a sud di Firenze, risultano ancora  presenti e ben conservate, mentre nella parte della città volta a nord sono state sostituite da viali di Circonvallazione, restano le porte di accesso.

Per informazioni dettagliate sulle gite guidate a Firenze visita il sito www.guideintoscana.it. Le migliori agenzie turistiche e le guide online  consigliano i seguenti itinerari :

  1. Itinerario A: Centro storico-da piazza Santa Trinità al Duomo, e dal Duomo a Palazzo Vecchio
  2. Itinerario B: Centro storico e quartieri circostanti il Duomo-da porta San Gallo a piazza della Signoria, e da piazza della Signoria agli Uffizi
  3. Itinerario C: Centro storico e Oltrarno-Piazza della Signoria-da piazza Santa Trinità a forte Belvedere, e da piazza San Felice a porta Romana.

Il primo itinerario inizia a piazza Santa Trinità, antistante la chiesa omonima, nel luogo in cui il 1°maggio 1300 lo scontro tra le famiglie Cerchi e Donati diede inizio alla guerra civile tra guelfi bianchi e guelfi neri. La passeggiata viene definita “percorso di parata” in quanto in passato era riservata ai cortei regali in visita a Firenze ed ha un andamento circolare. Consente di raggiungere il centro storico da sud, attraverso via de’Tornabuoni e di far ritorno a Santa Trinità, dopo aver visitato il Battistero e la Basilica di Santa Maria del Fiore. Dal Duomo, attraverso via de’Calzaiuoli si può infatti giungere alla chiesa di Orsanmichele, a Palazzo Vecchio e alla Galleria degli Uffizi, per approdare di nuovo in Arno, a Ponte Vecchio.

L’itinerario B  prevede che l’ escursione parta da  nord, da porta San Gallo, e si presenta percorso privilegiato per chi desidera visitare musei, quali il Museo dell’Opera del Duomo, non privandosi tuttavia di sostare presso monumenti, palazzi, chiese. Le istituzioni museali, statali e comunali, apriranno le porte ai turisti a decorrere dall’8 dicembre p.v. Le escursioni a piedi in piazza Duomo e dintorni permettono di scoprire la Firenze segreta, i cui tesori sono celati nell’intrico di vicoli stretti e bui della città antica. In loco via degli Speziali e la Casa Museo di Dante, superata la quale ecco apparire il Museo Nazionale del Bargello.

Il terzo itinerario consentirà al turista reduce dalla vista al centro città di oltrepassare l’Arno attraverso due ponti, in due diverse direzioni. Da Ponte Vecchio si raggiungerà prima la chiesa di Santa Felicita, poi Forte Belvedere, a ridosso delle mura che circondano i giardini di Boboli, fino a giungere in vista di Porta di San Giorgio. Traversando il ponte Santa Trinità e procedendo verso sud attraverso via 1°maggio si arriverà invece a piazza San Felice e a Porta Romana.

Il percorso “privato” che collega Palazzo Vecchio, sede del potere politico della Signoria con Palazzo Pitti, residenza privata del principe di Firenze, di cui parlano fiction e libri recenti, rimarrà privato, a meno che non si prenotino visite dedicate. Ai turisti non mancheranno né tempo né modo di sostare presso piacevoli ed accoglienti locali tipici per riposare prima di riprendere il cammino.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*